Tutti con il naso all'insù questa sera.


Le Perseidi  o lacrime di San Lorenzo -

E' uno tra gli eventi astronomici più attesi del mese, e forse il più conosciuto. Sono le Perseidi, più comunemente note come Lacrime di San Lorenzo, lo sciame meteorico che l'orbita terrestre attraversa durante il periodo estivo.
La pioggia meteorica si manifesta dalla fine di luglio fino a oltre il 20 agosto, e il picco di visibilità è concentrato attorno al 12 del mese, con una media di circa un centinaio di scie luminose osservabili a occhio nudo ogni ora dalla Terra. Anche per quest'anno il picco è atteso nella notte tra il 12 e il 13 agosto, più precisamente tra le 16:00 del 12 e le 4:30 del 13 agosto.

La tradizione vuole la notte del 10 Agosto, quella dedicata al martirio di San Lorenzo, come la nottata simbolo per l'osservazione delle Perseidi. Per la tradizione la pioggia meteorica sarebbe composta dalle lacrime versate dal Santo durante il suo supplizio e che vagano eternamente nei cieli per ricadere sulla Terra solo nel giorno della sua morte.
Altri chiamano le stelle del 10 Agosto come fuochi di San Lorenzo, poiché ricorderebbero le scintille provenienti dalla graticola infuocata su cui fu ucciso il martire, poi volate in cielo. Anche se in realtà San Lorenzo non morì bruciato, ma decapitato, nell'immaginario popolare l'idea dei lapilli volati in cielo ha preso piede, tanto che ancora oggi in Veneto un proverbio recita "San Lorenzo dei martiri innocenti, casca dal ciel carboni ardenti". 

Tutti dunque con il naso all'insù e con un mare di desideri da esprimere...

Contattaci

Nome

Email *

Messaggio *