Ultimi approfondimenti sul giorno di Natale.

Passato il fronte instabile, rapido e veloce, sulle nostre zone, come avete visto deboli sono stati i fenomeni che in modo locale ed isolato sono continuati anche in serata.
Ora nei prossimi giorni la scena verrà contraddistinta da un promontorio anticiclonico, che in risalita dalla sua base nel Nord-Africa, si impossesserà di buona parte del Mediterraneo.
Nonostante la sua presenza fronti instabili si muoveranno verso le nostre zone e notevolmente indeboliti, con nuvolosità irregolare, potranno dar luogo a deboli fenomeni.
A mettere in crisi la struttura anticiclonica sarà il suo spostamento verso la Francia e la Gran Bretagna, inglobando con aria mite, buona parte dell'Europa Occidentale.
In questo modo sulla Scandinavia e parte dell'Europa Centrale fronti freddi e colmi di aria di natura artica potranno imperversare liberamente.
Proprio uno di questi fronti, da ultimi aggiornamenti, in modo marginale e veloce potrebbe interessare, dalla sera della Vigilia di Natale le regioni adriatiche e buona parte del Sud, comprese le nostre zone.
I venti che sino a quel momento erano disposti da libeccio, ruoterebbero da tramontana e grecale, abbassando i valori termici.
In merito alle precipitazioni che potrebbero verificarsi, visto il passaggio veloce, al momento ci risulta difficile da localizzare, ma potrebbero risultare
lungo la nostra dorsale isolati e sparsi, vi aggiorniamo.
Buon proseguimento a tutti.
A breve le previsioni.

Contattaci

Nome

Email *

Messaggio *