Riscaldamento stratosferico: i suoi effetti.

Seguendo gli indizi, su un eventuale riscaldamento stratosferico, da ultime emissioni sulla stratosfera, si è notato come sia in atto un riscaldamento in area siberiana.
Gli effetti di tale riscaldamento determinerebbero tra l'altro la traslazione del vortice verso il comparto asiatico da una parte e il ricompattamento del vortice stesso dall'altra.
Tutto ciò potrebbe dar luogo ad STRATWARMING, di cosa si tratta sostanzialmente?
STRATWARMING non è altro che un riscaldamento anomalo di +70°C della stratosfera terrestre.
A seconda della sua attività può essere Minor o Major.
Il riscaldamento Major è il più intenso e si associa di solito ad un cambio di circolazione dei venti in quota alle latitudini polari.
In questo caso si determina la suddivisione del Vortice Polare oppure che lo stesso Vortice Polare venga allontanato dalla sua naturale sede.
Nel Riscaldamento Minor invece la stratosfera subisce un aumento in quota di temperatura di +30° C e in genere non invertono la circolazione dei venti in quota.
I più importanti sono quelli che causano la suddivisione del vortice in due lobi.
Le aree soggette ai lobi del Vortice Polare sono interessate da rilevanti ondate di freddo.
L'ultimo STRATWARMING di tipo Mayor è quello avvenuto nel febbraio 2018, in più gli STRATWARMING sono più probabili a metà dell'inverno.
Quindi vi aggiorneremo in merito.
Buon proseguimento a tutti
Fonte foto 3b Meteo

Contattaci

Nome

Email *

Messaggio *