S.o.S coste del Mediterraneo

La prima e unica ricerca scientifica coordinata dall'Istituto per lo studio e la sostenibilità in ambiente marino del consiglio nazionale delle ricerche ( CNR - IAS ) di Oristano, svolta in collaborazione con l'Università Ca' Foscari di Venezia e pubblicata sulla rivista " Climatic Chance ", ha analizzato la catena di effetti innescati dall'aumento di CO2 sull'ambiente Marino.
Dune e spiagge che si affacciano sul Mar Mediterraneo potrebbero ridursi notevolmente a causa dell' aumento di emissioni di anidride carbonica:" da oggi al 2100 l'accumulo dei sedimenti alla base dei sistemi dunali mediterranei potrebbe calare del 31% con erosione delle spiagge e maggiori rischi di inondazioni.
Come spiega uno dei ricercatori " lontano dalle foci dei fiumi i sistemi  duna- spiaggia possono essere formati interamente o in buona parte da sedimenti prodotti dagli ecosistemi marini, ad esempio le praterie Sottomarine di Posidonia oceanica.
Tali sedimenti però potrebbero essere dissolti dall' acidità crescente dei mari: secondo il recente studio entro fine secolo il ph marino potrebbe scendere di circa 0,4 unità.
A provocare l'acidificazione degli oceani, come noto, è l'aumento dell'anidride carbonica in atmosfera.
Nella foto esempio di Posidonia oceanica.

Contattaci

Nome

Email *

Messaggio *