Meteo irpino - Lunedì Nero: danni, vittime e numeri del maltempo di ieri 29 ottobre!

Si contano i danni e le vittime di una nuova giornata quella di ieri 29 Ottobre caratterizzata su tutta la nostra penisola da vento forte e precipitazioni abbondanti.
Vista la furia del vento che ha soffiato da Nord a Sud senza mai fermarsi, la perturbazione entrata è sembrata assomigliare tanto a un uragano tropicale di Categoria 2.
Un evoluzione meteo pensate che neanche i modelli matematici hanno stentato a riconoscere se non nelle immediate 24-48 ore precedenti agli eventi.
Per colpa del vento 7 le vittime , 3 nel Lazio , 1 in Liguria, 2 nel Veneto e 1 in Campania.
Per farvi capire meglio la potenza con cui il vento di scirocco si è abbattuto, vi segnaliamo i dati riscontrati in Liguria, dove l'anemometro di Marina di Loano ha registrato una raffica di 180 Km\h e quella di Follonica con 171 Km\h, record assoluti per la nostra penisola.
Sempre per colpa del vento intense mareggiate hanno colpito la costa tirrenica che non vedeva simili effetti dal 1987, mentre sul lato adriatico si segnala, nella laguna di Venezia, la 4° acqua alta più grande della storia da quando sono iniziati i rilevamenti nel 1923, con 156 cm.
In molti casi il forte vento si è associato a piogge intense ed alluvionali anche sulle nostre zone con notevoli disagi, allagamenti e alberi caduti.
Come segnalato 190 i mm registrati e caduti tra la zona di Capriglia e paesi limitrofi.
Ora dopo una breve pausa di quest'oggi la circolazione depressionaria presente e ancora attiva nel Mediterraneo invierà da Mercoledì sera due nuovi fronti perturbati che condizioneranno sulle nostre zone il tempo di Ognissanti.
Buon proseguimento a tutti

Contattaci

Nome

Email *

Messaggio *